"passo la vita fuggendo dalla mia ignoranza"
NON CAPISCO...E NON MI ADEGUO!!!
su questo blog non si pubblicano commenti anonimi

venerdì 1 ottobre 2010

ECOMUSÌA 2010 - MISSIONE ERITREA

L'ospedale di Asmara sede del Centro Dialisi ASMEV
Come a suo tempo annunciato, dopo aver lanciato un messaggio importantissimo in favore della salvaguardia e del rispetto dell'ambiente attraverso l'arte con la Festa di Ecoarte ''Ecomusìa'', tenutasi sul lungomare di Catona dal 19 al 22 agosto 2010, l'Associazione Culturale FABULANOVA parte per l'Africa per la ''Missione Eritrea''. Tutto è iniziato con la venuta a Reggio Calabria il 29.07.2010 di S.E. l’Ambasciatore dell’Eritrea, ospite di Fabulanova, che ha tenuto una conferenza stampa presso il Palazzo della Provincia di Reggio Calabria presentando il progetto Ecomusìa e la missione che si sarebbe successivamente effettuata in Eritrea. La missione parte anche grazie al contributo di più di 100 artisti che hanno partecipato all’evento e soprattutto grazie all’avvocato Giuseppe Neri assessore all'Ambiente della Provincia di Reggio Calabria che ha fortemente voluto (e tramite l’assessorato ha finanziato interamente) la realizzazione di questa importante attività di beneficenza che Fabulanova ha concretizzato nella "Missione Eritrea";   obiettivo portare acqua ed energia pulita ad un ospedale di Massawa, dove l'AS.ME.V. (Ass. Medici Volontari) opera già da diversi anni. Il 5 ott. 2010 Fulvio Cama per Fabulanova, il Dott. Franco Romeo per l'AS.ME.V. e Lorenzo Labate per i Costruttori Rinnovabili partiranno per l'Africa per un sopralluogo sul posto dove verranno effettuati gli interventi, che consisteranno nell’installazione di una macchina in grado di produrre acqua sfruttando l’umidità dell’aria,  di un generatore eolico che produrrà energia elettrica sfruttando la forza del vento e di pannelli solari fotovoltaici che produrranno elettricità e calore ricavandoli dall’energia solare. Non sarà certo un viaggio semplice ed agevole;  l’Eritrea è da poco uscita da una sanguinosa guerra con l’Etiopia (non del tutto finita), ed è sottoposta a sanzioni e limitazioni dalla comunità internazionale a causa della dittatura che governa il paese. Per arrivare ad Asmara (la capitale) occorrerà prima recarsi nello Yemen poiché non vi sono dall’Italia voli diretti, prolungando di molte ore il viaggio che poi proseguirà via terra attraverso le difficoltà delle strade del posto, le escursioni termiche e la differenza di altitudine (Asmara dista circa 110 km da Massawa, ma c’è un dislivello di circa 2.400m ); a ciò si aggiunge il fatto che il territorio eritreo è ancora disseminato di mine e ordigni inesplosi e che fuori dagli insediamenti civili operano dei gruppi estremisti poco raccomandabili. La missione sarà ospite delle strutture dell’AS.ME.V. che opera già da tantissimi anni sul posto curando chiunque ne abbia bisogno e salvando tantissime vite umane, e del Ministero dell’Ambiente del Governo Eritreo, che è molto interessato ai progetti innovativi sul risparmio energetico e alla produzione di energie rinnovabili come ha dichiarato anche l’Ambasciatore Eritreo durante la conferenza stampa tenutasi al Palazzo della Provincia. Con questa prima missione inizierà una collaborazione futura che sicuramente riuscirà a dare al Popolo Eritreo una mano d’aiuto importante per lo sviluppo.
Pasqualino Placanica
(pubblicato su costaviolaonline.it)

Nessun commento:

Posta un commento