"passo la vita fuggendo dalla mia ignoranza"
NON CAPISCO...E NON MI ADEGUO!!!
su questo blog non si pubblicano commenti anonimi

venerdì 3 giugno 2011

Berlusconi tocca il Re-Un gesto normale nel 2011

Durante la parata militare sui Fori Imperiali per la Festa della Repubblica del 2 giugno, Berlusconi ha toccato il re di Spagna ignorando la regola internazionale che prevede che re e regine non si possono toccare, a meno che non siano loro stessi a fare la prima mossa.  Dopo  il gesto Berlusconi è stato ripreso dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che evidentemente invece ricordava bene la regola. Anche questa volta i media non hanno perso l'occasione per esaltare la gaffe del premier. Erano presenti i rappresentanti di 80 paesi, tra cui molti Capi di Stato e di governo, e la cerimonia è stata più fastosa in onore del 150° anniversario dell'Unità d'Italia. Certo, se il protocollo prevede che i re non si possono toccare, occorre rispettarlo, ma un'attenzione maggiore anche a certi aspetti delle celebrazioni non guasterebbe: per esempio, che ci azzecca, come direbbe il buon Tonino, la Festa della Repubblica con il 150° anniversario dell'Unità d'Italia? L'unità d'Italia è indiscutibilmente opera di un re, giusta o sbagliata che sia. Il discendente di quel re è stato cacciato dall'Italia mentre ne era re, per insediare la Repubblica. Adesso, nell'anniversario della Repubblica Italiana, si festeggia contemporaneamente l'opera di colui che è stato scacciato dall'Italia (nella persona del suo discendente) ad opera dei repubblicani. Direi che la cosa stona un po', a volere essere buoni. Ma vogliamo, una volta per tutte, cercare di essere meno ipocriti, in questo Bel Paese? E Berlusconi lasciamolo in pace, che ha fatto un gesto normale, da persona normale, almeno questa volta!

2 commenti:

  1. Dopo aver toccato la regina, il re, poi spera di toccare altro!!

    RispondiElimina
  2. Ho ricevuto un commento anonimo, che come sempre non pubblicherò, in quanto tale. Il commentatore se vorrà, potrà ripostare il commento firmandosi.

    RispondiElimina