"passo la vita fuggendo dalla mia ignoranza"
NON CAPISCO...E NON MI ADEGUO!!!
su questo blog non si pubblicano commenti anonimi

lunedì 8 febbraio 2010

La Rete per Antonino Monteleone


Sull'attentato subito da Antonino Monteleone hanno già scritto tanti, superfluo descriverne le circostanze. Superfluo anche partecipargli la mia solidarietà su questo blog; l'ho già fatto subito tramite Facebook e sul suo stesso blog. Adesso invece è importante dare un messaggio forte al mondo, a tutti quelli che hanno un'idea sbagliata della nostra regione. L'iniziativa in atto su Facebook e sulla rete in generale, di raccogliere i fondi per "ricomprare la macchina ad Antonino Monteleone" è molto più di quello che sembra. È un atto che se finalizzato darebbe alla Calabria onesta una visibilità mondiale, perchè unico nel suo genere. Sarebbe la dimostrazione che il popolo calabrese si schiera apertamente contro i prepotenti, i violenti, i prevaricatori, i corrotti, i mafiosi e tutti quelli che Antonino Monteleone ha "fotografato" nei suoi servizi giornalistici. Sarebbe la conferma che la Calabria onesta si riconosce in questo ragazzo (si, è un ragazzo di 25 anni, che credete) che ha scelto di essere "free lance" per non avere padroni ed indirizzi editoriali; che ha creato dal nulla e con nulla se non il suo cervello, il suo coraggio e la sua intraprendenza la sua azienda e si è inventato il posto di lavoro, alla faccia di Padoa Schioppa e Brunetta. Sarebbe la conferma che la Calabria ha voglia di vivere e respirare aria pulita, eliminando quelle tossine che ne infettano il sangue, che si chiamano, lo ripeto, prepotenza, violenza, corruzione, ndrangheta. Io ho aderito all'iniziativa. Non è importante quanto si versa, è importante versare, per essere tanti, tantissimi. Coordinate raccolta fondi per una nuova auto ad Antonino:IBAN:IT82E0760116300000001969622 C/C POSTALE: 1969622 intestato ad Anna Foti, Corso Garibaldi, 611 - 89127 Reggio Calabria.
CAUSALE: "La rete per Antonino Monteleone. Noi siamo molti di più!"

Nessun commento:

Posta un commento