"passo la vita fuggendo dalla mia ignoranza"
NON CAPISCO...E NON MI ADEGUO!!!
su questo blog non si pubblicano commenti anonimi

venerdì 11 dicembre 2009

Pandemia......di balle.


Ecco finalmente la verità! La pandemia fino ad oggi tanto temuta è la più lieve della storia e (aggiungo io) probabilmente lo sarà per sempre, visti i dati così irrisori che la riguardano. E’ come al solito vergognoso l’atteggiamento dei giornali che dopo aver per mesi provveduto a diffondere paura e preoccupazione tra la popolazione, adesso come se nulla fosse riportano le ultime (buone) notizie senza minimamente vergognarsi. Ho preso come esempio “Il Giornale”: ieri 10 dicembre 2009, sul sito web riportava: -Come previsto: la «A» è un’influenza di serie B-. Molto pittoresco quel “come previsto”! Se torniamo indietro nel tempo troviamo una miriade di articoli sull’argomento che dicono tutt’altra cosa. Ne cito alcuni: 24 luglio 2009 -Influenza, allarme Oms: "Il virus in tutto il pianeta" In 2 miliardi a rischio-; 30 agosto 2009 -Il virus sarà più violento e colpirà i polmoni-; 31 ottobre 2009 -La pandemia? C’è già: raddoppiati in una settimana i contagi nel Lazio-; 4 novembre 2009 -Paese con la febbre: 17 morti Oltre 250mila i contagiati-. Ed a leggere il testo degli articoli ci sarebbe solo da chiudersi in casa e sigillare porte e finestre. …Come previsto: la «A» è un’influenza di serie B… Ma che cosa avevano previsto? Come al solito si sono preoccupati di volta in volta di uscire con il titolo più “ad effetto” possibile, che avrebbe prodotto le vendite maggiori. Così ecco che dopo il periodo in cui era produttivo per le vendite diffondere allarmismo, è giunto il momento di passare alla notizia che la gente voleva: l’influenza A è più leggera della normale influenza. Ripeto, ho preso ad esempio “Il Giornale”, ma potrei citare nello stesso modo tutte le altre maggiori testate giornalistiche italiane. VERGOGNA! A proposito....non mi meraviglierei se tra poco qualcuno se ne uscisse con la balla gigante che la pandemia è stata limitata dalla campagna di vaccinazione. In qualche modo i vari governi dovranno pur giustificare i miliardi di dollari/euro distribuiti alle ditte farmaceutiche; in particolar modo il neo Premio Nobel per la Pace Barak Obama, che appena 20 giorni fa ha firmato il piano di emergenza nazionale contro la pandemia che non c'è. Sull'operato del nostro governo stendo un velo pietoso. Un saluto a Topo Gigio.

Nessun commento:

Posta un commento